AVVOCATO DIRITTO DI FAMIGLIA PALERMO

L’avvocato Giuseppe Maniglia si occupa della materia del Diritto di Famiglia a Palermo, presso il suo studio legale sito in via Giuseppe La Farina n. 13A (con ingresso alternativo da via Costantino Nigra n. 2). È possibile affidarsi all’avvocato matrimonialista anche con l’assistenza del Gratuito patrocinio, detto anche libero patrocinio (impropriamente).

avvocato diritto di famiglia palermo

L’avvocato in diritto di famiglia studia gli aspetti giuridici relativi ai conflitti all’interno della famiglia nella concezione più ampia possibile.

Di conseguenza può intervenire sia nella fase iniziale del costituirsi di un vincolo affettivo, sia nella fase finale, ovvero quando si interrompono i rapporti per una crisi coniugale definitiva.

Quindi, attraverso la consulenza legale in diritto di famiglia, l’avvocato può guidare il proprio assistito a fare delle scelte più oculate e consapevoli, così da tutelare i propri diritti nel rispetto del codice civile,della Costituzione e delle leggi vigenti.

CONTATTA L’AVVOCATO IN DIRITTO DI FAMIGLIA

L’avvocato in diritto di famiglia per un divorzio o una separazione

L’avvocato in diritto di famiglia si occupa dell’assistenza giudiziale e stragiudiziale nei procedimenti di separazione dei coniugi e nella successiva fase del divorzio (scioglimento del vincolo coniugale o cessazione degli effetti civili del matrimonio).

Questi procedimenti sono trattati dal Tribunale di Palermo dalla sezione specializzata in diritto di famiglia (es. separazioni, divorzi, alimenti, filiazione, matrimonio).

Si ritiene, infatti, che un giudice specializzato possa garantire un giudizio conforme al diritto.

 L’avvocato in diritto di famiglia per il mancato mantenimento dei figli

All’interno del procedimento di separazione o di divorzio con figli, il Tribunale riconosce un ammontare a titolo di mantenimento degli stessi. Nel caso in cui questi siano minorenni il Tribunale condanna al mantenimento mensile il genitore non collocatario della prole.

Nel caso in cui i figli siano maggiorenni, ma non economicamente autosufficienti, il Tribunale può stabilire un mantenimento diretto nei loro confronti, o un mantenimento indiretto (ovvero a favore del genitore collocatario).

Ove sia riscontrato un inadempimento del genitore obbligato, l’avvocato in diritto di famiglia potrà procedere al recupero delle somme non pagate attraverso la notifica dell’atto di precetto e successivo pignoramento (esecuzione forzata).

CONTATTA L’AVVOCATO IN DIRITTO DI FAMIGLIA

L’avvocato in diritto di famiglia per il riconoscimento del figlio naturale

Qualora un genitore non abbia riconosciuto un figlio nato fuori dal matrimonio, quest’ultimo (se maggiorenne), o l’altro genitore (se il figlio è minore) può chiedere al Tribunale il riconoscimento giudiziale di paternità.

Le ulteriori possibili richieste dell’avvocato in diritto di famiglia:

  • la condanna al risarcimento del danno per mancato riconoscimento;
  • il rimborso delle somme sostenute per il mantenimento del figlio (pro quota);
  • il pagamento di una somma mensile per il mantenimento futuro.

L’avvocato in diritto di famiglia per lo scioglimento dei beni in comune

Successivamente alla separazione dei coniugi nasce spesso l’esigenza di sciogliere la comunione, ovvero dividere i beni in comune.

La comunione tra coniugi può essere intervenuta sia perché le parti abbiano deciso di scegliere il regime della comunione legale dei beni (e abbiano effettuato acquisti successivamente al matrimonio) o perché abbiano effettuato degli acquisti (es. immobile per la casa coniugale) intervenendo entrambi come acquirenti.

Può anche capitare che uno dei coniugi, o un parente dello stesso, abbia effettuato delle spese nella casa coniugale, di proprietà esclusiva dell’altro coniuge. Di conseguenza, una volta cessato il rapporto chi ha effettuato dette spese ha diritto al rimborso.

Ebbene, anche questi­­ casi sono affrontati dall’avvocato in diritto di famiglia, che provvederà a tentare inizialmente una mediazione e, nel caso di esito negativo, inizierà un giudizio civile per ottenere la condanna della controparte.

Per approfondire sul Diritto di famiglia: Treccani, Wikipedia