Documenti necessari per separazione consensuale con avvocato

In questo articolo vedremo quali sono i documenti necessari, ovvero richiesti dal Tribunale, in un procedimento di separazione con l’avvocato.

Quali sono i documenti necessari per separazione consensuale con avvocato?

Prima di passare in rassegna i documenti richiesti dal tribunale per separarsi consensualmente, preciso che il caso qui affrontato riguarda la separazione personale con l’assistenza dell’avvocato, figura professionale necessaria per separarsi in Tribunale.

È infatti l’avvocato che redige e firma (anche digitalmente) il ricorso per separazione consensuale dei coniugi che intendono separarsi; anche se ho potuto notare – occupandomi da avvocato in diritto di famiglia a Palermo – la prassi di far firmare l’atto anche ai coniugi.

La coppia può decidere di conferire l’incarico ad un unico avvocato, che rappresenterà entrambi i separandi, oppure ognuno è libero di conferire il mandato ad un avvocato diverso rispetto a quello del partner.

Stai cercando un avvocato per una separazione a Palermo?

CONTATTAMI

È lo stesso legale che depositerà il ricorso per separazione personale dei coniugi innanzi il Tribunale territorialmente competente, attraverso la c.d. iscrizione a ruolo generale civile.

I documenti necessari per la  separazione consensuale variano in base al Tribunale territorialmente competente, ma che spesso coincidono. Tali atti devono essere, quindi, necessariamente essere allegati al fascicolo della separazione.

Elenco documenti necessari per separarsi al Tribunale di Palermo

Il Tribunale di Palermo, ad esempio, richiede i seguenti documenti:

  • estratto di matrimonio (da richiedere nel Comune dove il matrimonio è stato celebrato);
  • stato di famiglia di entrambi i coniugi;
  • certificato di residenza di entrambi i coniugi;
  • certificato di nascita dei figli (tale documento, anche se non citato nel sito del Tribunale di Palermo, spesso è ritenuto necessario dai Giudici della sezione famiglia) ;

Detti documenti/certificati devono essere rilasciati dal Comune, in originale, e hanno generalmente validità di 6 mesi, per cui non è ammessa l’autocertificazione. 

Documenti necessari per la separazione consensuale con avvocato: i documenti facoltativi.

Uno volta passati in rassegna i documenti necessari, è utile sottolineare che sono previsti dei documenti che le parti hanno la facoltà di allegare, ma non sono prettamente necessari, quale ad esempio:

  • copia della dichiarazione dei redditi degli ultimi tre anni;

I coniugi successivamente devono comparire personalmente, insieme all’avvocato, innanzi il Presidente del Tribunale che tenterà la conciliazione e che, in caso di esito negativo dello stesso, autorizzerà i coniugi a vivere separati. L’udienza di comparizione della separazione è fissata solitamente dopo 4 mesi.

Quanto tempo dura la separazione consensuale? O per meglio dire il procedimento di separazione consensuale.

Premetto che è una domanda chiesta da tanti ma alla quale è difficile dare una risposta, ciò perché dipende da numerose variabili. La durata del procedimento di separazione dei coniugi dipende dal Tribunale territorialmente competente, dal carico di ruolo, dal periodo di pausa estiva , dalla complessità delle questioni da affrontare nella separazione, dal parere del P.M., etc…

Presso il Tribunale di Palermo attualmente la prima udienza di comparizione dei coniugi viene fissata a circa 3/4 mesi e l’omologa viene pubblicata dopo circa un mese a decorrere dall’udienza. Per cui la procedura ha una durata complessiva di circa 5/6 mesi dal deposito del ricorso.

Avv. Giuseppe Maniglia CONTATTAMI